Iscriviti alla Newsletter di Dario Silvestri

Il giudizio degli altri | Hai paura del buio?

;

Hai mai temuto il giudizio degli altri?

Si tratta di una domanda fastidiosa che in molti non apprezzeranno. Eppure il giudizio degli altri è un tema di cui bisogna parlare, parlare più e più volte, perché imparare a non curarsene è fondamentale per stare bene e riuscire a percorrere la propria strada.

Non si tratta solo di una peculiarità caratteriale o della capacità di ragionare con la propria testa: noi tutti siamo sensibili alle parole delle persone che appartengono alla nostra cerchia e ai consigli delle persone che amiamo. Il punto è che prima o poi tutti – nessuno escluso – dobbiamo imparare ad arginare questa influenza. L’obiettivo ultimo? Comprendere in quale misura tenerne conto per ragionarci su, eventualmente considerandoli punti di vista che possono arricchirci, ma comprendere che il focus più importante da mantenere, quello di cui proprio non possiamo e non dobbiamo fare a meno, è il nostro.

In caso contrario, il rischio è che il giudizio degli altri finisca per incidere sul tuo percorso in maniera troppo incisiva, alterandolo o, nel peggiore dei casi, stravolgendolo del tutto. Perché il punto è questo: se non sei tu ad esercitare potere decisionale sulla tua vita e le tue scelte, significa che qualcun altro lo sta facendo al posto tuo, e questo non va affatto bene. Per quanto possa agire nei tuoi interessi, quella persona non potrà mai, mai e poi mai sostituirsi a te e realizzare a pieno i tuoi desideri. Per quale ragione?

Perché l’unico che può farlo sei tu. Non ci sono altre interpretazioni possibili o punti di vista: nessuno può conoscerti meglio di quanto possa conoscerti tu stesso. Allo stesso modo, solo tu puoi comprendere a fondo quali sono i tuoi obiettivi e desideri più profondi. E realizzarli.

best-seller

Liberati dei tuoi vecchi programmi

Sei cresciuto in un certo ambiente, in una certa famiglia, circondato da un certo tipo di amici e seguendo un certo tipo di formazione. Sei la persona che sei grazie alla tua storia e a tutto ciò che hai vissuto, ma hai idea di chi sarai in futuro?

Tutti noi, a un certo punto della nostra vita, ci rendiamo conto che ciò che ci aspetta nel futuro è una vasta e infinita prateria ricca di potenzialità infinite. Ci rendiamo conto che possiamo scegliere chi essere, cosa vogliamo fare, chi vogliamo diventare e quali desideri desideriamo realizzare. È una sensazione bellissima che ti fa vibrare dentro, fin nel profondo, fino a quando…

…fino a quando ti rendi conto che quella meravigliosa prateria di possibilità ha in realtà i confini del giardinetto dietro casa. Il giudizio degli altri pesa. Le loro opinioni, paure, ansie e timori si riflettono sulle tue azioni e sul tuo modo di vedere il mondo, inzuppano quella prateria di angosce e aspettative, la rendono un luogo ostile.

Sono i tuoi vecchi programmi che, di fronte a tutta quella inebriante libertà, si rimettono in moto e ti ricordano tutti quei condizionamenti e quelle lezioncine che ti hanno impartito fin da piccolo per imbrigliarti in uno schema di vita già pensato per te: quale scuola dovresti frequentare, quali amicizie dovresti scegliere, quali desideri dovresti coltivare, quale tipo di persona dovresti essere.

Per alcuni quei vecchi programmi sono rassicuranti, ma di fatto limitano le tue scelte e le tue opzioni. Per essere libero e vivere l’ebbrezza di poter compiere le tue scelte, devi imparare a smontarli, farli a pezzi e iniziare a dare spazio a ciò che realmente desideri.

Liberati dal giudizio degli altri: una doppia conquista

La paura del giudizio degli altri riduce e limita in modo considerevole tutte le opzioni e le possibilità di trasformarti, di affrontare il cambiamento, di scoprire e tirare fuori la tua vera essenza e natura senza timori e remore. Ti porta invece a nasconderti e a non vivere sul serio e secondo tutte quelle che sono le tue potenzialità.

Alla lunga, il giudizio degli altri si traduce in un genere di schiavitù che ti spinge per forza di cose a vivere in un perenne stato di insoddisfazione. Dentro di te, sai anche tu che hai bisogno di un cambio di prospettiva importante e di dare spazio a molti più aspetti della tua persona che meriterebbero di emergere, ma il timore di poter andare incontro alla negatività e al rifiuto da parte delle persone ti blocca e inibisce.

Ti voglio dire una cosa importante e vorrei tu la rammentassi sempre: l’amore che gli altri provano per te non dovrebbe mai essere subordinato alla tua capacità di soddisfare le aspettative che hanno nei tuoi confronti. L’amore non detta legge, è un sentimento di libertà. Questo cosa vuol dire? Vuol dire che nel momento in cui inizierai a farti scivolare addosso le parole, i consigli e le opinioni altrui per dare spazio alle tue, se qualcuno ti volterà le spalle significa che ciò che provava per te non era un affetto genuino.

Considerala in questo modo: da una parte compi un passo per te stesso e la realizzazione della tua persona, dall’altra ti liberi di chi in realtà ti stava vicino solo per convenienza o per i presupposti sbagliati. Non è forse una doppia conquista?

Se ti interessa questo argomento leggi anche questo Articolo, cliccando QUI.

Hai paura del buio?

.Hai paura del buio? Il buio spaventa perché rappresenta l’ignoto, ma in molti tendono a scordare che il buio è sempre seguito dal giorno e che l’ignoto può portare incredibili meraviglie. Il buio non è altro che ciò che ancora di incredibile puoi scoprire su te stesso. Invece di temerlo, abituati a sentirlo amico e ad affrontarlo.

Il mio invito è dunque quello di lasciarti alle spalle la paura del giudizio degli altri e di iniziare a guardare al mondo e alla vita come al tuo personalissimo banco di prova: puoi sperimentare tutto e realizzare tutto, ma per farlo devi lottare, faticare e impegnarti per tirare fuori la tua voglia di cambiare.

Affronta il tuo mondo interiore, il giudizio degli altri e tutto ciò che ti blocca. Dai spazio alle parti di te che ancora senti relegate in un angolo e non porti limiti. Scopri di che pasta sei fatto e poi mostrati al mondo. Credimi quando ti dico che di eccezionalità non ce n’è mai abbastanza. La tua non potrà che arricchire te e tutti coloro che sceglieranno di rimanerti accanto.

Dario Silvestri

Practice, Dedication, Results